Olimpiadi IN – XX ed.

… un fiume in piena di persone, di colori, suoni e frastuoni, simboli e vessilli, mescolanze di sentimenti ed emozioni ha inondato festosamente Latiano, il piccolo centro del sud Italia, che ha accolto la XX edizione delle Olimpiadi In di Città Solidale.
Ancora una volta, in un frammento di tempo del lungo anno, l’idea si è incarnata e si è fatta popolo, l’utopia dell’incontro ha provato a realizzarsi, in piena uguaglianza e diritti tra le persone di ogni condizione, età, ceto sociale, sesso, cultura, etnia, credo religioso e politico.
Simbolico e toccante il corteo che, come in un grande girotondo, ha abbracciato le vie del centro storico, con la testa già all’arrivo, formata da centinaia di bambini, confusi nell’interminabile bandiera della pace, tenuta strettamente dalle loro mille manine, e la coda, ancora alla partenza. Al suo centro è riapparso, ancora più simbolico, il maestoso e terribile drago, alto 5 metri e lungo 20, sbuffante nell’aria nuvole di fiato rosso e blu. La bestia ha sovrastato la folla minacciosamente, alla stregua appunto dello stigma e del pregiudizio, che colpiscono le persone diverse e fragili, fino a quando non è stato scacciato, a sassate, proprio dai bambini, una volta giunto in Villa Comunale. 
Festoso e trascinante si è udito il frastuono di tamburi, fischietti, trombette, nacchere e sonagli di ogni tipo, vibrati incessantemente dagli atleti delle oltre trentacinque squadre al seguito, simbolo casuale di frastuono di quell’altro stordimento che caratterizza la società moderna, che ci costringe e ci disorienta, fino a che non vediamo la bandiera della pace che ci fa intravedere che un mondo migliore è possibile.
Dall’Italia e dalla Puglia, per una giornata di festa, una giornata tra amici, all’insegna della fratellanza e del ripudio di ogni pregiudizio, più di cinquecento atleti con disabilità sono scesi in campo, si sono cimentati in giochi coinvolgenti, sono stati protagonisti, testimoniando in concreto, con e di fronte a centinaia di familiari, operatori sociali, autorità, forze dell’ordine, bambini, giovani studenti, anziani, che siamo tutti eguali e diversi, accomunati dalla voglia di vivere in pace e in allegria, e che anche loro desiderano concorrere a costruire un mondo migliore, un mondo di pace, un mondo di tutti, dove la parola OUT è bandita e ognuno è IN.
Le Olimpiadi In 2019 anche quest’anno in maniera gioiosa hanno messo insieme finalità oggi, purtroppo, desuete o solo declamate: la solidarietà, la lotta contro lo stigma, il pregiudizio, l’emarginazione delle persone con disabilità e l’integrazione delle diversità. Per questo e per tanto altro ancora sono state insignite, per sette volte, della medaglia del Presidente della Repubblica per l’alto valore sociale che esse rappresentano.
Un particolare ringraziamento va all’Amministrazione Comunale del Comune di Latiano: al Sindaco Avvocato Cosimo Maiorano, al Presidente del Consiglio dott. Gabriele Argentieri, al Vice Sindaco Mauro Vitale, all’Assessore ai Servizi Sociali dott.ssa Teodora Tiziana Rizzo; a Confcooperative Brindisi e Confcooperative Sanità Puglia e Nazionale; all’ Istituto Comprensivo di Latiano, alla Scuola Media Leonardo Da Vinci di Ceglie Messapica, all’I.I.S.S. “Leonardo da Vinci di Fasano, all’ I.I.S.S. “Marzolla – Simone – Durano” di Brindisi, al Liceo delle Scienze Umane “E. Palumbo” di Brindisi, all’Associazione Eda Italia Onlus, al CSM di Brindisi, all’Associazione Sportiva “Olimpo”, all’Associazione Sportiva “Atletica Latiano”, a Tommaso Corrado del Bar Era Ora, alla Pro Loco di Latiano, all’ing. Giuseppe Mingolla e a tutte le cooperative che hanno partecipato e che hanno reso gioiosa e viva la nostra manifestazione: Cooperativa Si Può fare, Casa per la Vita Universo Amico, Casa per la Vita Giovanni Paolo II, Fondazione Beato Bartolo Longo, Cooperativa Se Puede, Casa per la Vita Agrifoglio, Cooperativa Siderea, Cooperativa Agape, Cooperativa Eridano, Centro Diurno Martini, Cooperativa Le Ali, Sprar, Residenza Casa Melissa, Centro Diurno Pegaso, Crap Helios, Cooperativa Nikcan, Associazione Mitag, CSM Calimera, Cooperativa L’Anatroccolo, Associazione Nova Vita, Centro Diurno Reverie, Centro Diurno Phoenix, Cooperativa Anthropos, Crap La Ginestra, Crap Mirto, Comunità Alloggio Marrubbio, Cooperativa L’Adelfia.
Un sentito ringraziamento alle forze dell’Ordine: la Caserma dei Carabinieri di Latiano e i Vigili Urbani di Latiano. Si ringraziano il 118 di Brindisi e l’Associazione Volontari Protezione Civile di Latiano.