Si consolida il gemellaggio tra la Puglia e l’Argentina in materia di Salute Mentale.

delegazione argentina salute mentaleQuesta volta l’occasione è costituita dalla Giornata Mondiale della Salute Mentale indetta dall’Onu per il 10 ottobre 2011, mentre i protagonisti per l’interscambio di esperienze sono Città Solidale per la Puglia e l’associazione civile “Una movida de Locos” per La Plata, la capitale della regione di Buenos Aires.

Nell’ambito delle iniziative programmate in Argentina per una intera settimana, venerdì 14 ottobre alle 18,00, presso la Sala Imperiali del Comune di Latiano, vi sarà un collegamento diretto via internet, nel corso del quale gli ospiti di Città Solidale daranno vita ad uno spettacolo che potrà essere fruito dagli Utenti ed Operatori di La Plata.

Lo spettacolo sarà un fiorire di canti e danze della tradizione salentina, a cura del gruppo folk “Erba ti entu”, di Città Solidale diretto dalla dott.ssa Stefania Carone e di gag allegre della compagnia “Solidal Clown”, condotto dalla dott.ssa Miriangela Sardella. Infine, i giovani del gruppo teatrale interpreteranno poesie e brani tratti dallo spettacolo “è normale che sia una serata speciale”, che tanto successo ha avuto di recente. Durante il collegamento il Dott. Tommaso Mola, presidente della cooperativa Città Solidale, e il Dottor Franco Colizzi, direttore del CSM di Brindisi e altri operatori sanitari e sociali  porteranno i loro saluti ai colleghi argentini; la serata sarà presentata dal regista Gino Cesaria.

Con questa iniziativa, ancora una volta, Città Solidale, vuole esprimere la sua solidarietà agli amici d’oltreoceano, dopo l’intenso interscambio di esperienze che ha visto la delegazione pugliese impegnata per ben due volte nell’ultimo anno in Argentina e la work-experience in Italia degli argentini presso Città Solidale e le cooperative di inserimento lavorativo Marana-Thà e Maran-Atha 2001.

delgazione argentina salute mentale

Alla manifestazione di venerdì parteciperanno il sindaco dott. Antonio De Giorgi, le Autorità e gli operatori della Salute Mentale, i cittadini per un corale un messaggio di solidarietà a chi si batte per i diritti umani ancora una volta violati, sostenendo metaforicamente i nostri amici col motto: “si può fare”!